Nuovo decreto del Governo, stop alle attività produttive salvo quelle essenziali

conte_hp (1)

Una nuova stretta rispetto alla possibilità di muoversi delle persone e la sospensione delle attività produttive e industriali. E’ quanto prevede il  nuovo Decreto (pdf, 3.9 MB) firmato dal presidente del Consiglio.

Ecco, riassunte, le misure previste.

Vietato spostarsi dal Comune in cui ci si trova se non per lavoro e salute

È vietato a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi  con mezzi di trasporto pubblici o privati dal comune in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Viene cancellata la possibilità di rientrare al proprio domicilio, abitazione o residenza, prevista nel Dpcm dell’8 marzo scorso (all’articolo 1 comma 1 lettera a).

Sospese attività produttive industriali e commerciali ad eccezione di quelle essenziali o che erogano servizi di pubblica utilità

Sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di  quelle indicate nell’allegato 1, relativo ad attività e produzioni contrassegnate dal codice Ateco (pdf, 1.38 MB), e che può essere integrato con decreto del Ministro dello sviluppo economico, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze. Le attività produttive che sarebbero sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile.

Restano sempre consentite le attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1, anche se non esplicitamente indicate in elenco, previa comunicazione al Prefetto della provincia dove si trova l’attività produttiva. In essa vanno indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite.

Le imprese le cui attività sono sospese per effetto del decreto, completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Aperti vendita generi alimentari e beni essenziali, farmacie, edicole, tabaccai

Per le attività commerciali, resta fermo quanto disposto dal Dpcm 11 marzo 2020 (che all’allegato 1 prevede un elenco di attività di commercio al dettaglio che non vengono sospese, da ipermercati, supermercati, discount alle ferramenta e agli articoli per animali) e dall’ordinanza del ministro della Salute del 20 marzo 2020.

Non sospese le attività professionali

Le attività professionali non sono sospese. Studio Bonaccorsi rimane aperto a disposizione dei propri clienti.